FOR THE RENAISSANCE IN US
/ Arte @it / Prima Dell’Alba – I Ritratti “Di guerra” Di Arabella Dorman, In Mostra a Londra, Ci Offrono L’Occasione Di Un Simbolico Omaggio Nel Ricordo Dei Caduti In Tutte Le Guerre

Prima Dell’Alba – I Ritratti “Di guerra” Di Arabella Dorman, In Mostra a Londra, Ci Offrono L’Occasione Di Un Simbolico Omaggio Nel Ricordo Dei Caduti In Tutte Le Guerre

 

Wazha Pa Wazha

Wazha Pa Wazha

L’artista Arabella Dorman, acclamata dalla critica di tutto il mondo, presenta una mostra che trae ispirazione dai suoi soggiorni trascorsi in Afghanistan nell’arco degli ultimi cinque anni.

Above the City

Above the City

La mostra propone opere che, con straordinaria espressività, documentano i vissuti non solo relativi al conflitto ma anche propri alla realtà quotidiana di famiglie afghane e soldati britannici. Una testimonianza, fedele di storie non appariscenti di vissuti, in un momento cruciale di transizione per il paese.

Prima dell’alba è il titolo di questo evento espositivo che sarà aperto in Inghilterra in occasione delle celebrazioni alla memoria dei caduti che coincideranno con l’inizio del ritiro delle truppe Britanniche dall’Afghanistan, dopo oltre10 anni di missione umanitaria.

The Drawdown

The Drawdown

Remnants of an Empire

Remnants of an Empire

Displaced

Displaced

Nata nel 1975, Arabella Dorman ha guadagnato un apprezzamento internazionale come ritrattista e come “artista di guerra”. Nel suo tratto stilistico Arabella dimostra una padronanza della tecnica classica con un tocco contemporaneo, un approccio che deve molto ai suoi studi alla Byam Shaw School of Art di Londra, all’Università di Edimburgo e presso il Charles Cecil Atelier di Firenze.

Walking to School

Walking to School

Questa inusuale scelta professionale di “ritrarre dal vero” nei territori di guerra, ha indiscutibilmente confermato una sua straordinaria capacità di osservazione, la sua acutezza nel cogliere delle essenzialità le viene riconosciuta anche per i diversi dipinti che le vengono commissionati. Molte figure di spicco si sono fatte ritrarre da lei, importanti associazioni in Gran Bretagna hanno sui lavori esposti, così come altre istituzioni pubbliche e collezioni private in tutto il mondo.

Taqalla Baraye Zenda

Taqalla Baraye Zenda

King of the Skies

King of the Skies

I “Quadri militari” di Arabella riflettono sue esperienze dirette, avendo lei lavorato come “artista incorporato” con le forze armate Britanniche nel sud dell’Iraq (2006) e con le forze Britanniche ed Afghane dal 2009 in poi nonché come viaggiatrice indipendente.

On Patrol 2 Rifles

On Patrol 2 Rifles

Inaugurare questa sua esposizione nel momento dedicato al ricordo di quanti hanno perso la vita nelle guerre assume pertanto ancor più significato; le sue opere diventano strumento di riflessione nazionale.

The Dance Afghanistan

The Dance Afghanistan

Before The Dawn diventa una riposta quasi narrativa che spazia dall’immaginario ad esperienze concrete, riportando quello che lei ha testato nel corso dei suoi diversi viaggi in Afganistan.

Post Traumatic Stress Disorder

Post Traumatic Stress Disorder

Lavorando in tutto il paese, da Sangi a Herat e Badakshan a Baiyan, i suoi dipinti sono infatti una potente esplorazione della realtà quotidiana, della vita in prima linea, dei suoi effetti immediati e delle ripercussioni a lungo termine, con la speranza che quanto stravolto dal conflitto possa presto risorgere dalle ceneri.

The Market Place, Kabul

The Market Place, Kabul

The Ploughers

The Ploughers

Le opere Prima dell’alba saranno esposte alla galleria Pall Mall, 30 Royal Opera Arcade a Londra dal 4 al 15 novembre. Parte dei proventi dalle vendite andranno devoluti alle associazioni benefiche Afghanaid and Walking With The Wounded.

Flying the Afghan Flag

Flying the Afghan Flag

 

AD Badakshan

AD Badakshan

Per maggiori informazioni Walking With The Wounded.

This post is also available in: Inglese Spagnolo

0 POST COMMENT
Rate this article

Send Us A Message Here

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *